Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

ALLUVIONE 16 E 17 NOVEMBRE 2019 DICHIARATO STATO DI EMERGENZA REGIONALE

Dichiarato lo stato di emergenza regionale.

È quanto ha fatto la Giunta Regionale, su proposta del presidente Enrico Rossi, in apertura della seduta di questa mattina.

La dichiarazione consentirà anche di chiedere al Governo un'analoga dichiarazione di emergenza nazionale, consentendo così di attivare finanziamenti e di velocizzare le procedure a favore sia dei soggetti pubblici che privati.

Per ogni eventuale informazione in merito, si prega di contattare l'Ufficio di Protezione Civile comunale (056462531).

Alluvione, Cascate del Gorello in buona salute

Dopo la grande alluvione che si è abbattuta ieri venerdì 15 novembre sul territorio di Manciano, questa mattina sabato 16 novembre il vicesindaco Luca Pallini ha effettuato un sopralluogo alle Cascate del Gorello di Saturnia e ha constatato che esse sono integre e che non hanno riportato alcun danno. Già da ieri, il sindaco di Manciano Mirco Morini aveva comunicato che le Cascate del Gorello di Saturnia non erano state devastate dall’alluvione, come riportava erroneamente la stampa. Le Cascate del Gorello, infatti, avevano subito solo una forte piena dovuta alla tanta pioggia caduta.

AVVISO DI PUBBLICAZIONE AVVIO PROCEDIMENTO NUOVO P.T.C.

Si avvisano i Sigg.ri Professionisti, gli Operatori del settore, i Cittadini e le Associazioni interessate che sul sito web dell'Amministrazione Provinciale, al seguente indirizzo:

http://www.provincia.grosseto.it/index.php?id=1493

è stato pubblicato l'avvio del procedimento per la formazione del NUOVO PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO (P.T.C.).

Come indicato nel Programma dettagliato delle attività di informazione e di partecipazione, fino al 21 Gennaio 2020 è possibile APPORTARE I PROPRI CONTRIBUTI nelle forme e modalità stabilite nella pagina web di riferimento.

Per ogni ulteriore necessità, si prega di far riferimento all'Amministrazione Provinciale (tel. 0564.484111).

Maltempo, il sindaco Morini: “Chiederemo lo stato di calamità”

“Dopo 5 anni il nostro territorio è stato martoriato da un’altra alluvione”. Lo dice il sindaco di Manciano Mirco Morini, dopo una giornata intensa caratterizzata dal forte maltempo (criticità di livello arancione), con la caduta di 100 millimetri di pioggia in appena sei ore. “Da domani – continua il sindaco - il Comune di Manciano insieme ai suoi tecnici inizierà la verifica di eventuali danni su tutto il territorio, partendo dalla rete stradale rurale e comunale e delle aree private e pubbliche. Chiederemo, nel caso, lo stato di calamità alla Regione Toscana. L’amministrazione è vicina a tutti i cittadini e a tutte le aziende che sono state colpite da questa forte ondata di maltempo.  Un ringraziamento a mio nome e da parte di tutta l'amministrazione va al consigliere delegato alla Protezione civile Luca Giorgi che ha seguito tutta la fase emergenziale, all’ufficio Tecnico e ai tecnici del Comune, alla Polizia municipale, agli operai del Comune, al gruppo Protezione civile Misericordia di Manciano, alla Provincia e ai i suoi tecnici e operai, alla Polizia provinciale, all'Unione dei Comuni, ai Vigili del fuoco e ai Carabinieri per il lavoro svolto in questa difficile giornata”.

A Nardò una strada per Luigi Zacchino

Nardò - L’amministrazione comunale di Manciano e le autorità sono volate a Nardò, in provincia di Lecce, in Puglia per commemorare la figura di Luigi Zacchino e per presenziare l’intitolazione di una strada nella sua città natale. Maresciallo dei Carabinieri prima di Montiano e poi di Manciano dal 1943 al 1951, Luigi Zacchino è stata una figura fondamentale per questo territorio durante la Seconda guerra mondiale e nell’immediato dopo guerra. Luigi Zacchino, infatti, stette sempre dalla parte dei renitenti alla leva della Repubblica sociale italiana e dei gruppi partigiani, informandoli di possibili rastrellamenti dei tedeschi. Metteva fiocchi alle finestre o indicava con i segnali possibili agguati da parte del nemico, salvando così tanti mancianesi dall’orrore della guerra. Zacchino fu molto vicino alla Banda Arancio di Montauto che lottava per la liberazione nella Maremma tosco-laziale e proprio sua nipote Virginia porta il nome della moglie del capitano della banda, Arancio Santi. Presente alla commemorazione anche la figlia di Zacchino, Gianna Rosa, nata a Manciano, proprio all’interno dell’attuale caserma dei Carabinieri. “Classe 1905 – scrivono di lui - Zacchino comandò la stazione dei Reali Carabinieri di Manciano nel periodo cruciale della caduta del fascismo. Uno straccio rosso avvolto alla persiana della sua caserma era il segnale che utilizzava per avvisare del pericolo. Uno degli aneddoti più commoventi con cui è ricordato in Toscana è datato ottobre 1943: venuto a conoscenza delle intenzioni dei fascisti di arrestare Sante Arancio, comandante del primo gruppo partigiano della zona, riuscì ad avvertirlo consentendogli di mettersi in salvo con la famiglia. Disattendendo gli ordini e sordo alle minacce del prefetto fascista Alceo Ercolani che sollecitava arresti dei giovani renitenti alla leva, assicurò rifornimenti alimentari e munizioni alle formazioni partigiane della zona. Successivamente si occupò del fermo e degli interrogatori di un centinaio di fascisti, contribuendo all’accertamento delle responsabilità di diverse azioni repressive”. “Siamo emozionati! Quella di oggi è una giornata tanto importante per Nardò e allo stesso tempo per i mancianesi – parla l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Manciano, Valeria Bruni -. Siamo felici di essere presenti a Nardò insieme a Erika Terzini della Municipale di Manciano e al maresciallo dei carabinieri di Manciano Giovanni Scotto e a tutte le istituzioni pugliesi, per ricordare una figura così importante, tanto cara a tutti i mancianesi. I chilometri ci separano da Luigi Zacchino ma la memoria mantiene vivo questo legame, indissolubile. Grazie maresciallo Luigi per ciò che hai fatto per noi”. “Desidero ringraziare tutti coloro che con fattiva collaborazione hanno permesso la realizzazione di questo evento per ricordare la figura di mio padre”, queste le parole di Gianna Rosa Zacchino.

 

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    131