Manciano Promozione, gruppo di Maggioranza: “Detti si facesse un esame di coscienza. Per salvare il sito bastava fornirci le credenziali”

Il gruppo di Maggioranza del Comune di Manciano risponde al capogruppo di Minoranza Giulio Detti il quale, tramite una diretta Facebook ha attaccato il primo cittadino Mirco Morini sul tema del turismo e sul mancato rinnovo del dominio del sito di Manciano Promozione. “Abbiamo assistito alla performance artistica via Facebook del dottor Giulio Detti sulle politiche del turismo di questa amministrazione. Gli attori sanno che per evitare brutte figure devono studiare bene la parte da recitare, altrimenti vengono dette delle inesattezze, come per esempio quella sul calendario eventi e magazine, che secondo il capogruppo di minoranza sarebbero stati consegnati, nel dicembre 2016, a chi veniva a visitare il Villaggio di Natale quando invece, la verità è che quel materiale doveva essere ancora stampato in quanto non è mai stato affidato l’incarico per stamparli (esistono determine all’albo, anche se Detti dice che non pubblichiamo gli atti). Una cosa è vera, che Detti durante il suo mandato ha fatto promozione turistica. Ne ha le competenze, sia informatiche sia specifiche sul turismo, che nessuno all’interno del Comune ha e non ci sogniamo certo di metterle in dubbio. Promozione turistica che ha fatto dalla ‘a’ alla ‘z’, compresa la registrazione di siti e caselle di posta elettronica. Altrimenti, come si spiega che per cambiare la password della mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Google dice che manderà un codice di verifica a “ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ”? E come si spiega che per tutti i siti di proprietà del Comune gli avvisi di scadenza arrivano alla posta elettronica dell’ufficio, mentre quello di mancianopromozione.com arrivano a una casella che il Comune non usa più da anni perché bersagliata da posta spazzatura e appunto a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ? E ancora, come mai i costi per la registrazione di quel sito non sono mai stati sostenuti direttamente dal Comune? Nel 2017 (altra imprecisione del dottor Detti) la registrazione è stata pagata dalla cooperativa che gestisce l’ufficio turistico che è stata rimborsata dal Comune. Quest’anno il Comune non lo ha più potuto fare perché sono cambiate le norme sulla privacy. Sarebbe bastato che Detti avesse passato tutte le credenziali di accesso agli uffici e non ci sarebbero stati disguidi, ritardi, ricerche affannose di password ricercate all’interno di email di anni fa, perché gli avvisi di scadenza sarebbero arrivati a chi avrebbe dovuto provvedere. Invece, è stato inoltrato un unico messaggio nel giorno in cui il sito ha smesso di funzionare e per capire di cosa si trattava, a chi rivolgersi e recuperare la password ci è voluto più di un mese, con i risultati che sappiamo. Il dottor Giulio Detti sostiene di avere segnalato la cosa in modo informale e lo invitiamo a verificare meglio le informazioni in suo possesso. Dice anche che la perdita del dominio del sito di Manciano Promozione, il cui rinnovo sarebbe dovuto avvenire nello scorso mese di agosto, dipende dal fatto che i dipendenti del Comune fossero tutti in ferie mentre gli operatori turistici in quel periodo lavorano. Al Comune di Manciano per ogni dipendente che manca c’è sempre un sostituto, per cui gli uffici non sono mai chiusi, questo tentativo maldestro di mettere gli operatori turistici contro i dipendenti comunali la dice lunga sulla considerazione che il dottor Detti ha di questi ultimi, nonostante gli elogi nei Consigli comunali. Ma questo lo sapevamo bene, vista la ‘politica’ del personale seguita quando era assessore al Bilancio. In conclusione, prima di accusare chi adesso amministra il Comune, bisognerebbe che Detti si facesse un esame di coscienza per vedere se i problemi nascono dal proprio operato di amministratore nel mandato precedente”.