Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

Top Secret Maremma, alla scoperta di posti segreti e antiche tradizioni

Antiche tradizioni, luoghi segreti, storia ed eccellenze. Tutto questo è Top Secret Maremma, l’iniziativa promossa e organizzata dal Comune di Manciano in programma da venerdì 24 aprile a domenica 3 maggio. Visite gratuite, escursioni, passeggiate per conoscere i luoghi più nascosti della Maremma tosco-laziale e per assaporare le bellezze meno esplorate del nostro territorio. Venerdì 24 aprile si comincia con la visita guidata ambientale escursionistica alla Rocca di Montauto, tana di pericolosi briganti; sabato 25 aprile visita guidata al museo della bici in località Pianaccia; domenica 26 aprile gita all’eremo di Poggio Conte, tra misticismo e magiche cascate lungo il fiume Fiora; lunedì 27 aprile visita alla Cantina dei vini di Caino a Montemerano; martedì 28 aprile si ritorna alla Rocca di Montauto; mercoledì 29 aprile si andrà alla scoperta della misteriosa storia della necropoli etrusca di Poggio Buco a confine tra Manciano e Pitigliano; giovedì 30 aprile visita guidata alla necropoli del Puntone e percorso sulla via Dogana sul fiume Albegna; venerdì 1 maggio si ritorna all’eremo di Poggio Conte; sabato 2 maggio visita ai Principi Corsini e al castello di Marsiliana e domenica 3 maggio si chiude con la discesa a piedi lungo il sentiero che conduce fino all’antico “Sedile di Carlo Magno” e alle sue leggende, con possibilità di proseguire con la guida verso il fiume Albegna. “Top Secret Maremma – spiega l’assessore del Comune di Manciano al Turismo Giulio Detti - è l’occasione giusta per scoprire i luoghi misteriosi del nostro splendido territorio. Nell’edizione 2015 lo faremo attraverso le escursioni guidate e percorsi naturalistici sia sul comune di Manciano, sia sui comuni limitrofi. Potranno essere conosciute così vere e proprie perle come la Cantina dei vini di Caino a Montemerano, l’eremo di Poggio Conte, la Rocca di Montauto, la necropoli di Poggio Buco e tante altre meraviglie”. Per ulteriori informazioni cliccare su: www.topsecretmaremma.it

Ruzzola, nizzola, pentolaccia: i giochi della tradizione popolare in un convegno

Domani pomeriggio, sabato 11 aprile, alle ore 16 nella sala consiliare del Comune di Manciano si svolgerà un convegno dal titolo “I giochi della tradizione popolare”. L’iniziativa, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Manciano, vedrà la partecipazione di Quirino Galli, direttore del museo delle tradizioni popolari di Canepina, in provincia di Viterbo, animatore di importanti manifestazioni dedicate al recupero e alla conservazione delle tradizioni popolari. Dopo il saluto introduttivo dell’assessore alla Cultura Giulio Detti, il direttore Quirino Galli presenterà l’esperienza del museo di Canepina, gli annuali convegni dedicati alle tradizioni popolari “Tra Arno e Tevere” e le pubblicazioni degli atti che li accompagnano. Sul tema dei giochi della tradizione popolare interverranno: lo storico Angelo Biondi (Quando si giocava senza giocattoli), il professor Lucio Niccolai (su alcuni giochi come la nizzola, la pentolaccia, la ruzzola, tradizioni popolari da recuperare e valorizzare) e l’assessore all’Urbanistica Daniele Pratesi (il dibattito nel Consiglio comunale di Manciano sul gioco della ruzzola e i luoghi di svolgimento del gioco nei primi del Novecento). “L’amministrazione comunale – spiega l’assessore Giulio Detti - con il prezioso aiuto del professor Lucio Niccolai ha organizzato con grande piacere questa iniziativa sui giochi popolari. Negli ultimi anni, con la ruzzola urbana giocata nel torneo di Vivamus, si è cercato di valorizzare le antiche tradizioni e mi auguro che da questo convegno nascano altre idee interessanti per organizzare, in futuro, iniziative specifiche in collaborazione con altri comuni limitrofi”. Alla giornata di domani parteciperanno il sindaco di Manciano Marco Galli e l’assessore alla Cultura di Canepina, Carlo Palozzi.

Raccolta di idee per il centro storico di Manciano

Sabato 11 aprile, dalle 9 alle 16, i docenti e gli studenti dell’università di Architettura di Firenze, insieme all’amministrazione comunale, saranno a disposizione di cittadini e operatori, al cinema Moderno, per un confronto aperto sui temi della riqualificazione e riprogettazione dell’architettura di Manciano e in particolare sull’identificazione dei caratteri urbani per la definizione dell’immagine del centro storico di Manciano e di via Marsala. Docenti, studenti e amministratori locali saranno dunque a disposizione di coloro che vorranno partecipare alla costruzione di una mappa condivisa dei valori, delle criticità e delle potenzialità di via Marsala, per individuare luoghi e spazi nei quali definire specifici obiettivi di qualità e interventi, secondo nuove modalità di collaborazione, aperte e condivise, tra istituzioni e cittadini. Un progetto, questo, nato nell’ambito dell’attività di ricerca e didattica del dipartimento di Architettura Dida dell’università di Firenze, in cui sono state sviluppate attività di indagine, analisi e rilievi finalizzati alla predisposizione del quadro documentario per la conoscenza e la valorizzazione del territorio di Manciano, con particolare riguardo ai centri storici di Manciano e Saturnia. I rapporti istituzionali tra il dipartimento Dida e il Comune di Manciano sono poi stati formalizzati nel 2014, con la sigla di un apposito protocollo di collaborazione. La ricerca vede impegnati sul campo in diverse fasi di lavoro docenti, consulenti scientifici e studenti del Dida, (docenti: Paola Puma e Andrea Ricci; consulente scientifico: Silvia Mantovani; studenti: Marco Grechi, Chiara Iommi, Elettra Vasarri e Ludovica Vanni), che accompagneranno i cittadini in un percorso di messa a fuoco delle criticità dell’importante asse urbano, per la successiva identificazione delle sfere di attività che la via Marsala “bene comune” rivelerà di poter attivare. Lo sviluppo della ricerca comprende diversi momenti di lavoro partecipato e di incontro, secondo una scaletta che prevede: la messa a fuoco degli scenari critici con un incontro sabato al Moderno, l’outline dei layout di analisi in programma il 9 e il 10 maggio e la presentazione dei risultati previsto il 21 giugno. “Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare a questo importante momento di confronto – spiegano dal Comune di Manciano – che serve a incrementare l’appeal turistico di Manciano, a tutto vantaggio di commercianti e ristoratori. La cittadinanza che insieme alle istituzioni raccogliere idee e le condivide con esperti del settore è un modo di lavorare tutto nuovo e produttivo, capace di aprire tavoli di confronto a vantaggio dell’intera comunità”. 

 

Lavori sul Gattaia, il Comune trova la soluzione per il transito

Con la chiusura per lavori della strada Follonata, a partire da lunedì 13 aprile, l’amministrazione comunale di Manciano, in collaborazione con la società Terme di Saturnia spa e con la Provincia di Grosseto, per ridurre al minimo i disagi di residenti e operatori, ha trovato la soluzione per consentire il transito degli autoveicoli che potranno passare all’interno dell’area privata della società Terme di Saturnia. “Stamattina – spiega il sindaco di Manciano, Marco Galli – l’amministrazione comunale, in condivisione con la tutta la minoranza, ha prontamente istituito un tavolo tecnico per dare una soluzione concreta al problema della chiusura al transito veicolare al chilometro 4+000 della provinciale, per i lavori sul torrente Gattaia. I lavori prevedono, infatti, il rifacimento della pavimentazione e delle barriere di sicurezza del ponte, operazione che non può essere realizzata a traffico aperto. Così grazie alla disponibilità e alla collaborazione fattiva con la società Terme di Saturnia spa, per raggiungere Saturnia, si potrà utilizzare la loro strada interna privata”. “Per ridurre al massimo i disagi che la chiusura della strada Follonata comporta – commenta il direttore generale di Terme di Satunia spa, Licinio Garavaglia –abbiamo messo volentieri a disposizione la nostra area privata per il transito degli autoveicoli, per residenti e operatori, anche in virtù di un periodo importante per il turismo, come quello del mese di aprile. Da non dimenticare – conclude Garavaglia – che il percorso alternativo deve comunque essere utilizzato con cautela e accortezza, considerando il fatto che non si tratta di una strada provinciale o di un’autostrada”.   

Lavoro: un posto all’Info point dell’ufficio turistico del Comune di Manciano

La cooperativa Itinera 2.0 seleziona un giovane o una giovane tra i 18 e i 29 anni per l’Info point dell’ufficio turistico del Comune di Manciano per le sedi di Manciano e Saturnia. Il candidato dovrà essere in possesso di diploma di scuola media superiore, attestare la conoscenza di una lingua straniera oltre all’inglese, dovrà avere conoscenze base di Sem (Search engine marketing), buona conoscenza di tecniche fotografiche, elaborazione immagini digitali e montaggi video e saper utilizzare i canali social media marketing. Gli interessati dovranno inviare il proprio curriculum vitae (formato europeo) comprensivo di firma e autorizzazione all’utilizzo dei propri dati personali, in formato pdf, al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro e non oltre sabato 25 aprile 2015. Nella settimana successiva tutti i candidati considerati idonei saranno contattati per il successivo colloquio di selezione.

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    129