Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

Scuola, arrivano i corsi serali per il diploma in Amministrazione, finanza e marketing

L’istituto F. Zuccarelli, in collaborazione con il Comune di Manciano, organizza il corso serale per il conseguimento del diploma in amministrazione, finanza e marketing a Pitigliano all’interno del progetto Maremma networking. Per chi ha solo una licenza media, per chi ha interrotto gli studi della scuola superiore, per chi non ha un lavoro stabile o che non lo gratifichi, l’istituto Zuccarelli dà un’opportunità in più. Il diplomato in amministrazione, finanza e marketing è in grado di organizzare, gestire e controllare tutte le attività aziendali in maniera autonoma e può avere numerosi sbocchi professionali: dagli uffici amministrativi agli enti pubblici, a studi professionali. Il corso serale è articolato in tre periodi didattici: il primo permette di conseguire il biennio, il secondo di accedere al quinto anno e il terzo l’acquisizione del diploma. Il corso prevede 22 o 23 ore settimanali, distribuite su 5 giorni dal lunedì al venerdì, con inizio e termine delle lezioni nella fascia pomeridiana-serale. L’iscrizione e la frequenza sono gratuiti e l’unico costo richiesto è quello di 60 euro annui che comprendono le tasse scolastiche e un contributo volontario per le spese di segreteria e cancelleria.   

Arriva sul grande schermo la storia di Margherita Aldobrandeschi

Sarà proiettato venerdì 11 marzo, alle ore 18, al Nuovo cinema di Manciano il cortometraggio scritto e diretto dalla regista maremmana Antonella Santarelli “Margherita Aldobrandeschi: una donna di Maremma”. Il film, realizzato lo scorso anno grazie al sostegno del Comune di Manciano, al lavoro dei ragazzi del liceo scientifico di Manciano e Iti e al supporto delle varie associazioni locali tra cui la pro loco di Montemerano, con il suo corteo storico, l’associazione Rinascimento, l’associazione Sovana Aperta e il corteo storico di Castell’Ottieri. “Il progetto – spiega la regista Antonella Santarelli - è un esempio di marketing territoriale in quanto viene messa in scena la storia del territorio e della comunità. Gli attori, tutti abitanti della Maremma, hanno contribuito a creare quel senso di identificazione e partecipazione che difficilmente sarebbe stato raggiunto utilizzando attori professionisti. La sceneggiatura è stata tratta da un documento del 1314 del notaio della Contessa Margherita Aldobrandeschi, redatto per volere della contessa come sorta di testamento e narrazione delle sue vicende. La famiglia Aldobrandeschi – continua la regista - ha segnato la storia del nostro territorio e, in particolare, la figura dell’ultima erede del casato Margherita Aldobrandeschi ci guiderà all’interno delle vicende più importanti della Maremma. Lafigura storica della contessa Margherita Aldobrandeschi, il cui padre era il famoso conte Rosso Ildebrandino Aldobrandeschi, con i suoi  cinque matrimoni importanti si trovò ad essere coinvolta negli scenari internazionali che sconvolsero il basso medioevo, a cavallo tra ‘200 e ‘300. Margherita, suo malgrado, non poté sottrarsi al suo ruolo di importante pedina nello scacchiere della Maremma toscana, terra di mezzo tra i patrimoni della chiesa e la laicissima Toscana. Il cortometraggio ha partecipato a numerosi festival nazionali e internazionali, raggiungendo un discreto successo in alcuni festival degli Stati Uniti, portando così la Maremma anche oltreoceano”. “La nostra amministrazione – afferma l’assessore alla Cultura del Comune di Manciano, Giulio Detti - da sempre sostiene i progetti culturali che coinvolgono in particolare i ragazzi e le scuole del territorio. In questo caso specifico, la progettualità è stata portata avanti durante lo scorso anno scolastico e ha prodotto, oltre al cortometraggio su Margherita Aldobrandeschi, un video sul centro storico di Manciano. Ringrazio le molte associazioni del territorio – conclude Detti - per il supporto dato al progetto e mi complimento con la regista, Antonella Santarelli, per il costante lavoro promozionale che fa per la Maremma, portandola in giro per il mondo. Il fatto che il corto sia stato selezionato in molti festival internazionali, ricevendo anche dei premi, è una testimonianza tangibile della bontà del lavoro svolto”. 

Manciano capitale dello zafferano in Maremma

Manciano capitale dello zafferano in Maremma. L’amministrazione comunale di Manciano ha partecipato, per la prima volta, all’assemblea nazionale dell’associazione Zafferano Italiano, che si è svolta nella giornata di sabato a Città della Pieve. Come rappresentante delle numerose aziende del territorio mancianese, che hanno aderito al progetto di valorizzazione dei prodotti agricoli locali, il Comune di Manciano ha aderito all’assemblea per testimoniare la presenza di piccole e medie imprese di produzione di zafferano nel mancianese. “La produzione nazionale di zafferano – dichiara l’assessore comunale di Manciano al Turismo, Giulio Detti - copre solo il 4% della domanda interna e questo dimostra come ci possano essere potenzialità di sviluppo per questo settore che è una vera eccellenza. Fondamentale è il legame da stringere tra zafferano e territorio. E’ evidente – continua Detti - come un prodotto di questo tipo, permetta ad una amministrazione di sviluppare delle politiche di marketing territoriale, volte alla creazione di una filiera diretta fra il produttore e il turista, il possibile acquirente. Inoltre, tale prodotto, se utilizzato anche dai ristoratori, permette di connotare l’area. Gli enti, lavorando in collaborazione con l’associazione, possono portare avanti delle politiche coordinate. Propongo così, la creazione di un calendario di eventi comune, semplicemente raccogliendo tutto ciò che già viene fatto nei singoli territori e la realizzazione di un ‘Percorso del gusto’ che unisca tutti i Comuni dello zafferano, diffondendo materiale informativo in merito alle altre città dello zafferano. Come singolo comune, - conclude Detti - ho dato la nostra disponibilità ad organizzare, in collaborazione con l’associazione Zafferano Italiano e con il Crocus Maremma, corsi di formazione ed uno show cooking per mostrare ai nostri cuochi il corretto utilizzo di questo prodotto”. “L’amministrazione comunale – spiega il l’assessore all’Agricoltura, Antonio Camillo – si pone come obiettivo di lavorare in modo coordinato per la valorizzazione di questo importante prodotto, che è coltivato con grande successo da molte aziende del nostro comune, in particolare nell’area di Marsiliana. Un settore importantissimo all’interno del progetto di valorizzazione dei prodotti agricoli. Lavoreremo per organizzare un’iniziativa di visibilità nazionale qui a Manciano”. “Lo zafferano in Maremma – dichiara il presidente di Crocus Maremma, Antonio Riga – è in crescita ma c’è ancora tanto da fare, a partire dalla ristorazione e dal commercio. Questo prodotto deve essere valorizzato, potenziato e sviluppato, a partire proprio dalle attività ricettive nel nostro territorio”. Ad agosto, inoltre, proprio a Marsiliana, si svolgerà un’importante sagra dedicata interamente allo zafferano. Zafferano Italiano è un’associazione cui aderiscono aree produttive con marchi territoriali e aree produttive in cui vi è il riconoscimento della denominazione di origine protetta così come disciplinata dall’Unione Europea. Il principio cui si ispira Zafferano Italiano è la massima tracciabilità del prodotto a garanzia del consumatore. Ogni produttore, infatti, aderente a Zafferano Italiano per poter apporre l’omonimo marchio oltre ad ottemperare alle norme del disciplinare di produzione, accetta ogni tipologia di controllo ai fini di una aderenza alla realtà di quanto dichiarato. Ciò è valido sia per le aziende agricole aderenti alle varie associazione dei produttori di zafferano presenti in Italia, che per le aziende singole che si assoggettano a un controllo da parte di un tecnico certificato da Zafferano Italiano o istituzione terza riconosciuta dal ministero delle Politiche Agricole. L’assemblea ha eletto il nuovo consiglio, composto da sette consiglieri. In generale l’associazione,  presieduta da Alessandro Mazzuoli, è composta da oltre 200 aziende produttrici in tutta Italia, rappresentate sia in forma associativa, sia in modo autonomo e da cinque Comuni: Città della Pieve, Manciano, Fucecchio, Gubbio, Lastra a Signa.

 

Manciano è bike friendly

Cicloturismo è la parola d’ordine del 2016. L’amministrazione comunale di Manciano sta lavorando per diventare anello di congiunzione tra turisti amanti del cicloturismo e le strutture ricettive e commerciali del territorio attraverso il progetto “Bike friendly”. Il Comune ha prodotto un disciplinare di servizi e le strutture che aderiranno al progetto potranno esporre il logo e diventare “stazione” dei ciclisti. Questo permetterà di fornire un elenco di strutture adatte al cicloturismo ai tour operator o a altri portatori di interesse e parallelamente consentirà di mettere a sistema l’offerta attuale. Questi i principali servizi: servizio fornitura acqua (se un ciclista passa davanti a una struttura può prendere acqua potabile); informazioni su circuito cicloturistico e sui percorsi (ogni operatore si impegna a fornire informazioni sui percorsi); riparazione ed equipaggiamento (attrezzatura dedicata); offerte speciali e promozioni per ciclisti (sconti particolari); rimessa sicura (parcheggio per bici sicuro al chiuso); servizio pick up/drop off (servizio organizzato per assistere il ciclista negli spostamenti); noleggio bici (possibilità di noleggiare bici direttamente nella struttura); tour e programmi specifici (organizzazione di iniziative proprie o di gruppo); colazioni e flessibilità check in/out (possibilità di preparare delle colazioni adatte al ciclista). Il concetto del disciplinare bike friendly è il primo step per far emergere le strutture che hanno servizi specifici di base dedicati agli ospiti in bici. L’obiettivo è anche quello di mettere in rete i fornitori di servizi (noleggi bici, officine di riparazione e guide) con il visitatore, strutturando un sistema efficace. Inoltre, l’assessorato al Turismo ha programmato 11 iniziative cicloturistiche (3 su strada e 8 in mtb) con le associazioni di Manciano. “Siamo consapevoli – spiega l’assessore al Turismo del Comune di Manciano, Giulio Detti - che lo sviluppo del cicloturismo è fondamentale per il futuro del nostro territorio. In quest’ottica, assieme ai partecipanti all’Osservatorio turistico di destinazione (Otd), abbiamo elaborato il protocollo di qualità ‘Manciano Bike Friendly’ che ha l’obiettivo di rendere riconoscibili le strutture ricettive che offrono dei servizi di base al ciclista, assicurando la qualità. Tale strumento permetterà, inoltre, di collegare operatori e turisti ai fornitori di servizi, come guide, noleggi bici per favorire lo sviluppo economico del territorio. Questo protocollo è uno step importante del nostro progetto, che si basa su una infrastruttura solida, su cui poi andare ad implementare un importante piano promozionale e un calendario eventi di livello, che vede quest’anno la realizzazione di ben undici iniziative ciclistiche”. Il sindaco di Manciano Marco Galli afferma che “questo progetto unisce più realtà economiche: sport, turismo, commercio, enogastronomia. L’amministrazione comunale lavora per mettere in sinergia i comparti che trainano l’economia nel nostro territorio, perché l’unione fa la forza”. 

Le eccellenze maremmane in vetrina in tutto il mondo

Agricoltura e promozione territoriale vanno di pari passo. Domani, giovedì 3 marzo alle ore 17.30 alla biblioteca di Montemerano è in programma l’incontro con il presidente di Ecce Italia, Rocco Corsetti, per presentare opportunità di promozione e di vendita dei prodotti maremmani offerti dall’organizzazione. Ecce Italia, il consorzio delle Eccellenze d’Italia, promosso dal Club “I borghi più belli d’Italia”, è la struttura associativa inaugurata nel 2001 su impulso della consulta del turismo dell’Anci, con l’obiettivo di promuovere le eccellenze dei piccoli Comuni a modello di sviluppo economico e di riferimento culturale, scientifico e territoriale. Il consorzio si costituisce come un laboratorio di idee e di progetti volti ad individuare, tutelare e promuovere, in Italia e nel mondo, la rete delle migliori produzioni ed espressioni locali nei settori dell’enogastronomia, dell’artigianato e delle tradizioni. Un patrimonio straordinariamente ricco e denso di fascino, che vive tuttora del radicamento profondo con la sua storia e la sua unicità. Nel corso dell’appuntamento, nel quale saranno presenti produttori e artigiani del settore artistico, verranno presentate le attività 2016 del consorzio “Ecce Italia” riservate ai produttori di eccellenza del Club dei “I Borghi più belli d’Italia”. Un calendario denso di appuntamenti, in Italia e all’estero, che vedrà il consorzio presente con i prodotti maremmani e in particolare dell’area mancianese a New York e in Belgio, oltre che in numerosi eventi a carattere nazionale, fra cui la partecipazione a Eataly Roma per tutto il mese di marzo fino al 31 dicembre. Allo store di Roma, il consorzio, nell’arco di questi dieci mesi, gestirà un ristorante, in collaborazione con Boscolo Chef Academy, uno spazio street food e un’area vendite di prodotti di qualità. Saranno presenti, per tutta la durata della manifestazione, tutti i Comuni aderenti al club dei Borghi coinvolti nel progetto e le più importanti attrattive provenienti dal territorio nel campo dell’arte, della cultura e dell’artigianato locale. “L’evento Eataly Roma – spiegano gli assessori all’Agricoltura Antonio Camillo e al Turismo Giulio Detti del Comune di Manciano - mira ad essere la giusta consacrazione delle attività del Club dei Borghi più Belli d’Italia sia in ambito nazionale, sia internazionale. La nostra amministrazione sarà presente ed aderirà al progetto. Abbiamo inoltre ritenuto utile organizzare questo incontro con Ecce Italia affinché le realtà locali possano essere informate su tutte le potenzialità promozionali e commerciali offerte dai Borghi e dai soggetti ad esso collegati, decidendo poi spontaneamente se aderire o meno”.

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    119