Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

I capricci e la noia, ostacoli oppure occasioni educative?

"I capricci e la noia, ostacoli oppure occasioni educative?" è il titolo dell'incontro che si svolgerà domani, giovedì 6 aprile con il pedagogista Michele Mannelli, al nido di infanzia "La tana dei cuccioli", dalle 16 alle 17.30. 

Anteprima della Sagra dell’agnello a San Martino sul Fiora

Quest’anno San Martino sul Fiora si prepara a celebrare la 50esima edizione della Sagra dell’agnello, la manifestazione gastronomica più antica della Maremma, in programma lunedì 17 aprile, nel giorno di Pasquetta. Quest’anno, gli organizzatori hanno pensato a un’anteprima, domenica 2 aprile in cui verrà presentato il programma della sagra. Alle ore 10 si svolgerà, nei locali sottostanti la chiesa, il convegno dal titolo “Agricoltura che passione, successi e problematiche dell’agricoltura locale” a cui interverranno Carlo Santarelli presidente del Caseificio sociale di Manciano, Virgilio Manini presidente dell’associazione Agnello del centro Italia Igp, i rappresentanti di Cia, Confagricoltura e Coldiretti, Valter Vincio presidente di Banca Tema, Jessica Santarelli presidente della pro loco di San Martino Sul Fiora, il sindaco di Manciano Marco Galli e gli assessori del Comune di Manciano, Giulio Detti al Turismo e Antonio Camillo all’Ambiente. Alle 12.30, sempre nei locali sottostanti alla chiesa, è previsto il pranzo e alle ore 15 le storiche cuoche di San Martino Sul Fiora realizzeranno alcuni piatti tipici maremmani che saranno presenti alla Sagra dell’agnello.  

 

Presentato il progetto Vetta – Mare

Unire la montagna al mare. Unire l’Amiata a Porto Ercole. Si chiama “Vetta–Mare” l’ambizioso progetto, in programma dal 21 aprile al 1 maggio, firmato dal Comune di Manciano, in collaborazione con i Comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora, Castell’Azzara, Sorano, Capalbio, Monte Argentario ed Orbetello, presentato questo pomeriggio in occasione del Maremma Coast to Coast, che mette al centro dell’interesse turistico ed economico l’escursionismo e il cicloturismo, due attività protagoniste dei flussi turistici nazionali e internazionali che hanno, in provincia di Grosseto, fortissime opportunità di crescita. I Comuni del territorio, da tempo, sono impegnati in attività di analisi e progettazione di sistemi di sentieri, ippovie e ciclovie, per costituire un’infrastruttura di sistema da poter promuovere fuori dei confini regionali. Il percorso di 151 chilometri, suddiviso in sette tappe, che attraversa alcuni dei luoghi più belli e importanti della Maremma dal punto di vista storico, ambientale e naturalistico è suddiviso in tratte di circa 15-20 chilometri l’una e sono percorribili giornalmente da un camminatore o ciclista di livello medio. Il tracciato, con l’utilizzo di strade bianche e sentieri, attraversa e coinvolge tutte le realtà e le emergenze culturali, paesaggistiche, gastronomiche maremmane.  E’ possibile strutturare il percorso in modo completamente autonomo, decidendo la lunghezza delle tappe e dove fermarsi per i pernottamenti. Sono molti, infatti, i paesi e le strutture presenti nel tracciato.

 

Nel dettaglio: il punto di partenza del percorso è la vetta del Monte Amiata a 1738 s.l.m (Sir, sito di interesse regionale). Scendendo dalla vetta, il primo paese che si incontra è Castel del Piano centro storico medievale, paese conosciuto per le eccellenti produzioni di vino Montecucco Doc, per l’olio Dop di Olivastra e per il famoso Palio, corsa con cavalli cavalcati a pelo che si svolge ogni anno nel periodo di luglio. Si prosegue poi per Arcidosso, altro importante centro storico medievale che mantiene ancora intatto e visitabile il castello Aldobrandesco, all’interno del quale c’è una splendida mostra sul personaggio di Davide Lazzaretti denominato il Cristo dell'Amiata. Di fronte al castello, il museo dedicato alla comunità Dzogchen di Merigar West, centro Tibetano tra i più importanti d'Europa.  Si prosegue per Santa Fiora, inserito fra i borghi più belli d’Italia e bandiera arancione del Touring Club, centro storico conosciuto per essere stato la dimora della famiglia comitale degli Aldobrandeschi nel periodo medievale e successivamente degli Sforza, nel periodo rinascimentale. Ad oggi rimangono le vestigia del Castello con i resti di antiche mura, torri e fortificazioni e il palazzo Sforza Cesarini che oggi è la sede del Comune. Nel terziere del castello si trova la Pieve delle Sante Flora e Lucilla con all’interno la più importante collezione al mondo per quantità di terrecotte Robbiane e nella parte bassa del paese, nel terziere di Montecatino si trovano le famose sorgenti del fiume Fiora che nascono dal parco della Peschiera, sorgenti che “dissetano” tutta la Maremma. Si prosegue successivamente per Castell’Azzara, dove si attraversano due delle riserve naturali della provincia di Grosseto con importanti specie botaniche autoctone: la riserva della Santissima Trinità e del Monte Penna. Da Castell’Azzara si prosegue per Sovana nel regno degli Etruschi, qui è possibile visitare il borgo con il duomo e il museo archeologico dove all’interno è conservato uno degli ultimi tesori di monete d’oro. Poco più avanti si trova il parco archeologico di Sovana, luogo unico al mondo, dove si possono percorrere le Vie Cave intagliate nel tufo e visitare le tombe monumentali di origine Etrusca. Attraversato il fiume Fiora, si sale a Poggio Murella dove lungo il percorso si trova un’antica cisterna romana “Castello Acquarum” e da qui si apre il panorama sulla Valle delle terme di Saturnia che è possibile raggiungere con 30 minuti di cammino. Arrivati alle terme, tra le più conosciute al mondo, è possibile rilassarsi, facendo un bagno nelle famose cascate del Mulino. Da qui, si può proseguire salendo su un tratto della Via Clodia fino a Porta Romana, per visitare il centro storico e il museo archeologico di Saturnia. Dopo Saturnia, si va in direzione di Montemerano, centro storico che fa parte dei Borghi più belli di Italia, noto per la sua piazza del castello e per la spettacolare chiesa di San Giorgio. Si prosegue poi verso Manciano, denominato la “Spia della Maremma”, per lo straordinario panorama che si vede dalla torre panoramica dalla Corsica al Gran Sasso e conosciuto per il suo museo di preistoria. La rocca, la torre e il museo sono visitabili gratuitamente. Da Manciano, si scende verso il mare dove è possibile visitare il Giardino dei Tarocchi, parco con sculture di arte contemporanea, per poi arrivare al borgo di Capalbio. Passando per la Feniglia, si arriva a Porto Ercole luogo incantevole per trascorrere giorni di vacanza in un’atmosfera familiare tipica della Maremma. Sui colli circostanti si nota l’imponente presenza delle fortezze spagnole e della rocca Aldobrandesca che svetta sul porticciolo e chiude tutto il percorso tematico. Il percorso può essere fatto sia a piedi che in bicicletta con tempi che vanno dai due (per i più allenati), ai sei giorni e nei punti più complicati e con presenza di criticità, è possibile proseguire per strade provinciali parallele al percorso. Per chi vuole viaggiare con calma e godersi il territorio al massimo, è possibile utilizzare strade comunali o provinciali poco frequentate.

 

Dichiarazioni: “Questo percorso – parla il sindaco di Manciano, Marco Galli – ha come obiettivo di far conoscere la nostra terra, come mia prima l’aveva presentata, per le sue qualità. La Maremma è caratterizzata dalla montagna e dal mare e attraverso questo progetto vengono esaltate a pieno le caratteristiche di questo territorio, incontaminato, unico nel suo genere. La Maremma è un brand che deve essere promosso e la nostra amministrazione comunale si impegna da anni per potenziare ciò che di bello può offrire questa terra, creando opportunità a chi ci vive, dal punto di vista turistico ed economico”. “E’ una grande emozione - spiega l’assessore al Turismo del Comune di Manciano, Giulio Detti - presentare il percorso Vetta-Mare. In tempi record siamo riusciti a completare il tracciato, con la relativa cartellonistica, offrendo ai turisti un bel prodotto per la prossima stagione. Ringrazio gli otto comuni per la collaborazione e i colleghi assessori che hanno sempre seguito con grande entusiasmo il progetto”. 

“Vietato dire non ce la faccio”, il libro della campionessa paralimpica Nicole Orlando

Doppio appuntamento per la presentazione del libro della campionessa paralimpica Nicole Orlando, scritto a quattro mani con Alessia Cruciani, “Vietato dire non ce la faccio”. Sabato mattina 1 aprile, alle ore 9.30, al Nuovo cinema di Manciano appuntamento con le scuole. Introdurrà la dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Aldi e la campionessa Orlando sarà intervistata da Claudio Arrigoni, giornalista sportivo del Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport. Il pomeriggio, invece, alle 18 la presentazione del libro si svolgerà nella sala parrocchiale di Montemerano. L’iniziativa organizzata dalla Consulta per il sociale del Comune di Manciano, è nata in collaborazione con l’associazione italiana Persone down di Grosseto e con l’istituto Aldi di Manciano. “Ringrazio personalmente – spiega la presidente della Consulta per il sociale, Cinzia Tomassoli - l’amministrazione comunale per il supporto all’iniziativa, Graziana Mazzuoli dell’associazione Persone down, Federica Dondini e la dirigente scolastica Anna Maria Carbone dell’Aldi e anche i partner fiori Amorosi Eventi, trattoria Il Rifugio, trattoria La Cascia e panificio Mazzuoli”. 

Mezzo secolo di storia, l’Avis di Manciano cresce e si prepara ai festeggiamenti

L’Avis di Manciano, lo scorso 11 marzo, ha rinnovato le cariche del Consiglio che attualmente prevede una formazione di 11 membri anziché 13, come nei precedenti mandati, riduzione dovuta al distaccamento con la sezione di Marsiliana, Vallerana, Sant’Andrea avvenuta lo scorso anno. Le nuove elezioni vedono riconfermati 8 consiglieri del vecchio mandato e l’entrata di 3 nuovi membri: Bardelli Alessandro, De Angelis Enrico e Gabrielli Leonardo. Le nuove cariche sono: Sirio Sabatini, presidente; Massimo Maruccia, vicepresidente; Veronica Mosci, segretario; Marco Cencini, tesoriere; Vanni Menichetti, magazziniere; Giulia Morini, gestione rapporti con le scuole e giovani; Leonardo Gabrielli, delega alla Consulta del sociale; tra i consiglieri: Roberto Teti, Paolo Biagetti, Alessandro Bardelli, Enrico De Angelis. “L’assemblea dell’11 marzo, presieduta da Sirio Sabatini con il vicepresidente provinciale Mauro Ravagni – spiegano dall’Avis - ha visto la presenza di un buon numero di partecipanti, che hanno dato vita ad un sano dibattito, fra cui il sindaco Marco Galli, l’assessore al Sociale Fiorenzo Dionisi, il presidente della Confraternita di Misericordia Santarelli, il presidente della Banca Tema Vincio, il presidente della Pro Loco Cancemi, il presidente della Consulta per il Sociale Tomassoli. Durante l’incontro è stato illustrato l’andamento dei centri di raccolta e dell’Avis stessa dell’ultimo quadriennio, sono stati letti e approvati i bilanci e successivamente fatte le elezioni e relativi spogli. Molti sono stati gli argomenti di discussione che hanno rivelato quanto questi ultimi anni siano stati positivi per l’andamento dell’associazione. Iniziando con le donazioni, obiettivo primario dell’Avis, che è stato più che positivo in particolare grazie alla presenza di molti nuovi giovani. Ottima la collaborazione con le altre realtà del paese, il grande coinvolgimento di questa speciale associazione quale Avis Manciano a tutti gli eventi che vengono svolti nel paese, tra i tanti, Manciano Street Music Festival, Cartoon Village, Festa delle cantine è stato possibile grazie alla collaborazione con la pro loco, il comitato Bottai, la Consulta dei giovani ed in particolare con la Consulta per il sociale. Con quest’ultima infatti c’è stato un impegno particolare da parte dell’Avis che ha sottoscritto il progetto ‘Mensa solidale’, circa 2 anni fa, ideato e gestito con tenacia dal presidente della Consulta del sociale, Tomassoli Cinzia presente all’assemblea, che ha pubblicamente ringraziato l’Avis per l'impegno, la dedizione e l’appoggio di questi anni. Non ultimo il progetto con gli istituti superiori del paese portato avanti dal consigliere Morini per promuovere la donazione e la conoscenza tra i più giovani. Ci sono state anche molte difficoltà – continuano dall’Avis di Manciano - come spesso succede ma l’obiettivo di questo 2017 è la festa per il 50esimo anniversario che avverrà a luglio con la consueta premiazione dei donatori. L’intero Consiglio, - conclude L’Avis - ringrazia tutte le persone che nell’arco dell’anno dedicano parte del loro tempo ad una buona causa, in particolare la dottoressa Tosca Corti e il personale sanitario sempre estremamente disponibile, la segretaria di sezione Lucia Manini, tutti i presenti volontari alla sagra che consente all’associazione di sostenere le spese di gestione dell’anno e i consiglieri. E infine, ma non certo per importanza, a tutti i donatori, colonne portanti di questo grande lavoro”. 

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    112