Notizie

Seleziona un argomento dalla lista seguente, e dopo scegli un articolo da leggere.

Tour de France, pedalata con Cadel Evans tra Saturnia, Pitigliano e Sovana

Per il decimo anniversario dalla vittoria del Tour de France di Cadel Evans, l’ex ciclista su strada e mountain biker australiano sarà a Saturnia per una pedalata, in programma sabato 24 e domenica 25 luglio, per festeggiare e ricordare questa grande conquista. “Una due giorni – spiega l’organizzatore dell’evento, Andrea Gurayev di SaturniaBike – pensata per dare l’opportunità a tutti i tifosi e ai grandi appassionati del ciclismo di trascorre un momento di vero sport immersi nella natura insieme ai grandi campioni di ciclismo. Il sabato è dedicato a un momento conviviale con una cena presso il resort Terme di Saturnia mentre la domenica si entrerà nel vivo della corsa: 55 chilometri percorsi tra le città del tufo”. Oltre agli sponsor che in questi anni sono stati parte integrante di Evans, sarà presente l’amministrazione comunale. L’assessore allo Sport del Comune di Manciano, Roberto Bulgarini ribadisce “l’importanza di iniziative come questa che nel nostro territorio affiancano altre grandi eccellenze. Questo assessorato – spiega ancora Bulgarini – sostiene da sempre tutti gli sport e punta a far crescere ancora di più il ciclismo e le attività outdoor, soprattutto in questo momento in cui, a causa della pandemia, occorre stare all’aria aperta il più possibile. Siamo felici di ospitare un grande campione come Evans porterà fuori dei confini nazionali il nome dei nostri borghi”. “Siamo consapevoli – afferma l’assessore comunale al Turismo Valeria Bruni – che le iniziative di grande qualità portano risultati per tutto il territorio, dal punto di vista economico e turistico. Le strutture ricettive, in primis, possono beneficiare infatti, di eventi come questo. La nostra amministrazione sta investendo da anni sul cicloturismo in Maremma, una risorsa fondamentale, sempre più in espansione. Il nostro territorio, peraltro, si presta naturalmente a percorsi ciclabili sia tra i borghi, sia tra le campagne incontaminate, con varie pendenze, per ogni difficoltà”.  

Teatro, in scena "Medea la straniera" e "Antigone: donne contro"

Doppio appuntamento con il teatro. Domani sabato 10 luglio alle ore 21.30 in piazza Magenta a Manciano e sabato 17 luglio sempre alle ore 21.30 in piazza Garibaldi a Poggio Capanne saranno in programma le rappresentazioni teatrali "Medea la straniera" e "Antigone: donne contro" per la regia di Francesco Tarsi, presidente dell'associazione culturale Associazione Culturale Polis 2001 e per la sceneggiatura di Maria Modesti.
Le due protagoniste di un mito intramontabile, Medea e Antigone, sono riscritte da Maria Modesti sotto forma di monologo, per rivendicare le loro ragioni, che con tenacia e forza si oppongono al potere dei forti, Creonte e Giasone. Medea subisce il torto e anche il destino della morte dei figli, Antigone, sacrifica la sua giovinezza e suo figlio per rivendicare il diritto di seppellire il fratello Polinicio. In questo tempo il teatro così impegnato può dare forza a noi contemporanei, di parlare liberamente al potere per affermare il nostro diritto alla vita e alla felicità. Michela Azzolini interpreta la splendida Medea e Flavia Comi un Antigone ribelle.
Sostegno e patrocinio del Comune di Manciano e della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.
Ingresso libero. Per eventuali informazioni cell. 3472299737.

AVVISO PER LA FREQUENZA DEI CENTRI ESTIVI PER BAMBINI E ADOLESCENTI

Si informa che da oggi è possibile presentare le domande di iscrizione ai centri estivi comunali. Le domande potranno essere presentate presso l'ufficio protocollo del Comune di Manciano o presso le Associazione aderenti all'iniziativa. 

Si riportano i link per scaricare:

L'avviso contenente le indicazioni per presentare la domanda;

Lo schema di domanda.

 

“Le voci della storia”, secondo appuntamento a Saturnia con “Una notte lunga 2000 anni”

Secondo appuntamento con “Le voci della storia”, l’iniziativa curata dal direttore dei Musei civici di Manciano Massimo Cardosa e da Teatro Studio di Grosseto i quali proporranno una serie di spettacoli teatrali insieme a visite guidate dei borghi di Saturnia, Manciano, Montemerano e Marsiliana fino al mese di ottobre. Giovedì 15 luglio alle ore 21 a Saturnia, a partire dal prato di Porta Fiorentina prenderà vita “Una notte lunga 2000 anni”: una visita guidata di Saturnia, con performance teatrali. In occasione della manifestazione regionale “Le notti dell’Archeologia”, è in programma un percorso tra i resti dell’antica Saturnia, rievocando personaggi, miti e leggende che ancora aleggiano nelle vie del centro storico. Con la voce narrante del direttore dei Musei Civici di Manciano e le performance teatrali di Teatro Studio Grosseto, torneranno a vivere George Dennis, il paladino Orlando, Margherita Aldobrandeschi e gli abitanti dell’antico impero romano. “Il lavoro del Teatro Studio, nell'ambito del teatro antico, della promozione museale, della performance ambientale, site specific, è un lavoro di lunga data”. Queste le parole di Daniela Marretti presidente di Teatro Studio. “Il progetto ‘Il fascino delle rovine’ – continua Marretti - ha visto solcare gli spazi dei più importanti siti archeologici della Maremma e della Toscana e mettere in scena, in un percorso più che ventennale, miti, poemi, tragedie tra i più importanti della tradizione occidentale e non solo. Il mito, l'epica, la tragedia, la commedia antica, hanno ripreso vita e ridato vita a certi luoghi, divenendo lavoro peculiare - si pensi all'uso degli spazi in diurna e senza alterazioni che la Compagnia fa, di luoghi, anche impervi, duri a volte, ma dall'indiscusso fascino - e anche il più amato di questo gruppo di artisti maremmani. La passione per la storia, per l'antichità, per il territorio, ha legato il nome della Compagnia a molti progetti in questo ambito e tra i più recenti ed importanti c'è il progetto ‘Le voci della storia’. ‘Una notte lunga duemila anni’, titolo del secondo appuntamento della stagione, è innanzitutto un'esperienza di riscoperta dei luoghi e dei reperti e dei personaggi che si legano alla storia dell'abitato di Saturnia, sapientemente condotta dal direttore dei Musei Civici Massimo Cardosa, anche direttore della rassegna, ormai alla sua quarta edizione. Al Teatro Studio, il compito di rievocare, quasi in filigrana, personaggi, memorie, racconti per dar voce alle pietre. Orlando, Margherita Aldobrandeschi, il viaggiatore Dennis, le storie comuni di gente comune tracciate nelle lapidi, la suggestione di angoli e reperti, diventano forme, parole, suoni, canti, tesi a ridare un soffio di vita, a restituire carne e voce a chi è passato, a chi è vissuto, a chi ha lavorato prima di noi”.
 
 
 
 
 
 
 
 

Pef approvato in Consiglio: da dicembre arrivano le postazioni informatizzate

 
È stato approvato, ieri mattina martedì 29 giugno dal Consiglio comunale, il Piano economico finanziario dei rifiuti (Pef) e il conseguente piano tariffario. Dal primo dicembre 2021 in tutto il territorio comunale di Manciano verranno installate le postazioni informatizzate per la raccolta dei rifiuti, fermo restando che le condizioni concordate con Ato e Sei Toscana sui limiti di crescita permangano. Nel dettaglio, saranno introdotte 63 postazioni complete a svuotamento verticale (cosiddetti ‘cassonetti intelligenti’), con una batteria composta da: una campana da 3700 litri per la carta, 1 campana da 3700 litri per l’indifferenziato, una campana da 3700 litri per plastica e lattine, una campana da 2500 litri per il vetro, 1 campana da 2500 litri per l’organico. “Questo nuovo sistema – spiega l’assessore all’Ambiente del Comune di Manciano, Daniela Vignali – permetterà ai cittadini un innalzamento della qualità della vita sia dal punto di vista pratico, sia dal punto di vista ambientale e visivo. Nonostante questa rivoluzione, noi rimaniamo nei limiti di crescita di Ato e del metodo Arera, di cui possiamo solo prenderne atto, in quanto il Pef comunale per normativa Arera, è prodotto dal Pef grezzo del gestore (determinato da tutti gli investimenti dei 104 comuni) e che tramite un percorso di calcoli, al Comune di Manciano è stato conferito un aumento del 5,186 per cento di crescita”. “Ribadiamo – commenta l’assessore al Bilancio Roberto Bulgarini – che il metodo Arera è stato imposto ai Comuni nel 2017 e rimango sbalordito che il Pef non sia stato votato dalla minoranza, visto che in Consiglio comunale essa ha detto di sostenere il metodo Arera. Inoltre, per quanto riguarda la riduzione della Tari 2021 per le utenze domestiche, su cui la minoranza ha dibattuto in Consiglio, sarebbe stata possibile solamente se fossero avanzate risorse relative al fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali (Emergenza Covid) del 2020. In tal caso le risorse non spese avrebbero confluito nell’avanzo vincolato 2020 per poi essere riapplicate sulla Tari 2021. Posto che il Comune di Manciano non rientra in questa fattispecie e posto che non è legalmente possibile intervenire sulla Tari con risorse diverse da quelle di cui sopra (non vi sono altre deroghe rispetto all’obbligo di copertura del 100% del servizio con la tariffa), non si capisce in che modo il Comune avesse potuto intervenire in favore dei contribuenti Tari se non attraverso il contributo statale destinato alle utenze non domestiche che nel 2021 hanno subìto una chiusura o una riduzione di attività a causa dell’emergenza sanitaria”.

Sottocategorie

  • Ultime
    Le ultime notizie dal Comune di Manciano
    Conteggio articoli:
    135